Back blog button Icona ricerca
Back blog button Blog
iBeacon: per un’esperienza di pagamento unica

ibeacon
Apple la sa lunga in termini di pagamenti digitali, solo pochi giorni fa infatti ha mostrato al mondo Apple Pay il nuovo metodo di pagamento contactless che prevede l’utilizzo dell’ultimissimo modello della mela morsicata: iPhone6.
Ma in realtà esisteva già un metodo di pagamento innovativo in casa Apple, si chiama iBeacon e più che un metodo di pagamento è una vera e propria esperienza che rende l’utente protagonista principale nella transazione.

iBeacon: come funziona
Questa tecnologia sfrutta i collegamenti bluetooth, in realtà sono proprio i beacon, dei piccoli trasmettitori bluetooth, che inviano informazioni allo smartphone il quale riceve il segnale e di conseguenza le informazioni con esso riportate.
Quindi la cosa fondamentale per usare iBeacon è avere installate le app del negozio che usa questa tecnologia. Grazie all’app sullo smartphone, il dispositivo riceverà informazioni riguardanti i prodotti in vendita nel negozio, o ancora offerte speciali e sconti. Sembra macchinoso come procedimento, ma in realtà non lo è molto.

Capiamoci meglio con un esempio:

State passeggiando tranquillamente all’interno di un negozio di giocattoli. Avete installato sul vostro iPhone l’app del negozio stesso relativa a iBeacon. Appena entrati vi arriverà una notifica con il benvenuto del negoziante e le istruzioni per sfruttare al meglio la tecnologia iBeacon all’interno della struttura.

Mentre camminate tra gli scaffali sentite arrivare una notifica: quello scivolo da giardino in plastica che si trova proprio lì a pochi metri da voi oggi è in super offerta. Oltre a darvi questa informazione il dispositivo vi informerà anche sulle caratteristiche del prodotto, sul prezzo intero e quello scontato, le misure e tutto ciò che il commerciante vuole farvi conoscere a riguardo. Ma a voi lo scivolo non interessa e andate avanti nel corridoio. Dopo un po’ arriva un’altra notifica: tutte le informazioni relative ai roller blade, magari accompagnate da un coupon per l’acquisto ad un prezzo vantaggioso.

Capite la potenza di questo prodotto? Permette all’esercente di comunicare con il cliente senza neppure vederlo. Paradossalmente potrebbe eliminare i commessi. Sì, lo so, è una dichiarazione estrema, ma il concetto è proprio questo.
Quindi riepiloghiamo: in vari punti del negozio sono posizionati dei piccoli dispositivi iBeacon fissi che inviano informazioni agli smartphone nelle vicinanze. Per funzionare è necessario che il telefono abbia installato l’app relativa al negozio ed il bluetooth 4.0.

E per i pagamenti?
iBeacon sfrutta il bluetooth anche per i pagamenti. Senza bisogno di tirare fuori il portafoglio ne di avvicinarsi troppo al punto cassa, è possibile consentire il pagamento approvandolo sul telefono. Pensate ad esempio alla comodità quando si fa rifornimento di benzina. Senza scendere dall’auto si può approvare il pagamento ed andarsene, senza bisogno di recarsi alla cassa. Questa tecnologia infatti non ha limiti stretti di distanza come nel caso dei pagamenti contactless, ma è attivabile anche a qualche metro di distanza dal punto cassa (e dalla posizione del beacon corrispondente).

Per adesso funziona negli States in tutti gli Apple Store, ma non è detto che presto non venga adottata anche da altri negozi. Tra l’altro non è una tecnologia attivabile solo con i dispositivi Apple, ma con tutti gli smartphone che hanno bluetooth 4.0 installato. Quindi anche in Italia ne sentiremo parlare.
Vi sveliamo una news: presto anche Scloby entrerà nel mondo dell’iBeacon! Vi terremo informati 😉

Vuoi ricevere gratutitamente ulteriori approfondimenti sull'argomento?